Home » Itinerari » Cosa Vedere a Napoli in due Giorni – Parte 2

Cosa Vedere a Napoli in due Giorni – Parte 2

Previsioni Meteo di Naples
9°
9°
Mar
8°
Mer
8°
Gio
7°
Ven
Meteo da OpenWeatherMap

Cosa Vedere a Napoli in due Giorni – Parte 2

Per la seconda parte dell’itinerario su Cosa Vedere a Napoli in due Giorni, ci muoveremo nel cuore pulsante della Città, nei suoi Vicoli Caratteristici, strade a cui sono particolarmente legata, perché mi hanno fatto compagnia durante il mio percorso Universitario.

Il Duomo di Napoli (A)

La Cattedrale simbolo della Città, particolarmente amata dal popolo partenopeo perché è qui che viene custodito il “Sangue di San Gennaro”, il Patrono della Città, le due ampolle, contenenti il Sangue, vengono esposte ai fedeli tre volte l’Anno: il primo Sabato di Maggio, il 19 Settembre (Festa di San Gennaro) e il 16 Dicembre, ed è in queste date che il Duomo di Napoli è stracolmo di persone che attendo con ansia il Miracolo della liquefazione del Sangue, legato alla credenza popolare di buon auspicio per la Città. Uscendo dal Duomo, proseguite in direzione Piazza Nicola Amore, prima di raggiungere la piazza però, sulla vostra destra troverete Via dei Tribunali, proseguite di qui il vostro itinerario.


Napoli Sotterranea (B)

Vi trovate in Via dei Tribunali, a mio avviso la strada per eccellenza della Pizza, non abbiate fretta, fermatevi per uno spuntino e assaporate una bella Pizza a Portafoglio, o anche una famosa frittatina. Lungo Via dei Tribunali, alla vostra destra troverete l’ingresso per “Napoli Sotterranea” un’esperienza assolutamente da fare, sappiate che un tratto (facoltativo) del percorso è particolarmente stretto, quindi è assolutamente fattibile anche per chi come me è particolarmente restio agli spazi stretti. Terminata la visita tornate di qualche metro indietro, quasi difronte la Chiesa di San Gregorio Armeno, lì si trova la prossima tappa.

San Gregorio Armeno (C)

Una delle strade più caratteristiche, dove sembra di essere a Natale tutto l’Anno. In Via San Gregorio Armeno, troverete molte Botteghe Artigianali che realizzano statuine per i Presepi, ma oltre ai classici personaggi che animano i presepi, troverete anche originali statuine raffiguranti i personaggi della Storia Contemporanea o anche personaggi che si sono particolarmente distinti, sia in positivo che negativo, durante l’Anno. Nel periodo Natalizio poi, il trambusto raggiunge il suo apice, persone provenienti da ogni dove affollano questa stradina. Terminata Via san Gregorio Armeno, vi ritroverete su Via Benedetto Croce, prendete la direzione alla vostra destra e proseguite come indicato nella Mappa.

Cappella San Severo (D)

Questa è una tappa assolutamente obbligatoria, oltre la bellezza della Cappella stessa, al suo interno si possono ammirare dei lavori unici, primo fra tutti sicuramente il Cristo Velato una scultura così realistica e così precisa da lasciare sbalorditi, senza nulla togliere alle Macchine anatomiche, gli scheletri di un Uomo ed una Donna, sui quali è possibile osservare l’intero apparato circolatorio. Per tutte le informazioni sulla Cappella e le sue opere, potete approfondire le informazioni in questo Articolo. A questo punto tornate in Via Benedetto Croce, anche detta SpaccaNapoli.

Chiesa del Gesù Nuovo (E)

La Chiesa dalla particolare facciata, che continua ad intrigare gli amanti del mistero, per i particolare segni presenti sulle brugne. Al suo interno è custodito il corpo di Giuseppe Moscati, celebre medico Italiano, canonizzato nel 1987. La chiesa, fondata dalla “Compagnia di Gesù” è stata consacrata il 7 ottobre 1601 e intitolata alla Madonna Immacolata, ma da sempre detta del Gesù Nuovo, per distinguerla dalla preesistente chiesa della Compagnia, detta di Gesù Vecchio

Monastero di Santa Chiara (F)

La più grande Basilica Gotica della Città di Napoli, realizzata per volere di Roberto d’Angiò e sua Moglie, alle sue spalle si trova il Monastero di Santa Chiara che ospita il Museo dell’Opera omonimo, quattro Chiostri Monumentali, una Biblioteca, diverse sale e la Chiesa delle Clarisse. Il Chiosto delle Clarisse, quello Maiolicato, è il più bello in assoluto, realizzato nel 1739 da Domenico Antonio Vaccaro.

Si conclude così il nostro Itinerario di Cosa Vedere a Napoli in due giorni, il tempo è veramente pochissimo e di cosa belle da visitare in questa città ne troviamo tantissime.