Home » Guide » Montecarlo, un giro nel regno del lusso

Montecarlo, un giro nel regno del lusso

Conosciuta ai residenti con il nome di Monte-Carlu, Montecarlo è il più famoso distretto del Principato di Monaco, oltre ad essere una delle mete turistiche europee più amate dagli appassionati del gioco d’azzardo. La celebre località è suddivisa a sua volta in quattro quartieri (Monte-Carlo-Spélugues, La Rousse-Saint-Roman, Larvotto-Bas Moulins et Saint-Michel) ed ospita alcuni dei più famosi casinò al mondo.

Cuore del sobborgo monegasco è il Casino de Monte-Carlo, una monumentale struttura in stile Belle Époque, ideata nella seconda metà dell’Ottocento dall’architetto francese Charles Garnier, al quale si deve anche il progetto della famosa Opera di Parigi. La struttura è indimenticabile. Adornato da ghirigori e fronzoli, infiorettato da volute bianche e color acquamarina, il Casino ha quasi l’aspetto di un dolce prelibato e pare uscito da una fiaba d’epoca. Gli interni, che ospitano sale da gioco e un teatro, non sono da meno. Passeggiando nei meandri della struttura potrete ammirare lussureggianti affreschi e decorazioni in stile barocco.

montecarlo

Non pensate però che giochi come roulette e blackjack siano l’unico motivo per recarsi a Montecarlo. La celebre località ospita infatti innumerevoli attrazioni e panorami decisamente suggestivi. Qui troverete inoltre decine di lussuose strutture alberghiere, dove verranno soddisfatti tutti i vostri desideri. Gli hotel a Montecarlo sono presenti nelle vicinanze delle maggiori attrazioni ed accolgono ogni anno migliaia di visitatori, un nutrito elenco è disponibile su Expedia.

Il più celebre tra essi è certamente l’Hôtel de Paris, situato sulla Place du Casino. Opera dell’architetto francese Godinot de la Bretonnerie, l’Hôtel de Paris risale anch’esso alla Belle Époque ma, rispetto al Casino, ha uno stile meno ridondante. Ugualmente lussuoso è l’Hôtel Hermitage, ospitato all’interno di un palazzo ottocentesco e poco distante dal porto.

Non andate via da Montecarlo senza aver ammirato il Grand Théâtre, un edificio principesco annesso al Casino ed opera anch’esso di Charles Garnier. Attrattiva principale del teatro è la Salle Garnier, considerata come la copia (ma molto più piccola) dell’Opera parigina. Qui si sono esibiti alcuni degli artisti più celebri al mondo tra i quali ricordiamo la divina Sarah Bernhardt e il tenore italiano Enrico Caruso.

Di fronte all’Hôtel de Paris, nella piazza principale di Montecarlo, si trova il Café de Paris, un bar ristorante in stile Belle Époque come le altre strutture che adornano il distretto monegasco. Dopo aver visitato le maggiori attrazioni potrete dirigervi al Cafè e riposare sorseggiando una bibita o assaggiando una delle delizie culinarie del luogo.

Nel vostro tour di Montecarlo non mancate di visitare la Chiesa di Saint-Charles, collocata nel cuore cittadino. Si tratta di un edificio decisamente austero rispetto allo stile architettonico prevalente, ma che ha un fascino particolare. La struttura, a croce latina, si protende verso l’alto grazie ad un campanile centrale di oltre trenta metri. L’edificio, eretto alla fine dell’Ottocento, è adornato al suo interno da splendide vetrate.

Oltre ad accogliere importanti opere d’arte e palazzi storici ed essere la meta preferita dai giocatori d’azzardo, Montecarlo è anche una delle capitali europee dello sport. Qui si tiene ogni anno l’omonimo Gran Premio di Formula Uno, il Monte-Carlo Rolex Masters (torneo di tennis) e il Rally di Monte Carlo. Insomma, se amate sport e automobili questa è la meta che fa per voi.

Montecarlo è anche sede di uno degli eventi circensi più importanti al mondo. Parliamo del Festival internazionale del Circo, inaugurato negli anni Settanta del secolo scorso per volere di Ranieri III. Scopo dell’evento, a cui partecipano ogni anno gli artisti più abili al mondo, è quello di assegnare i prestigiosi clown d’oro, d’argento e di bronzo. A Ranieri III si deve anche l’istituzione del forse meno celebre ma ugualmente illustre Festival della televisione, al termine del quale il miglior programma riceve l’ambita Ninfa d’Oro.